La Cripta
Username:    Password:    Remember me  

Poesia: Assolo

"Assolo"
by Kiara Kayleigh




Troppa geometria, qui intorno
Linee infinite
marcate e precise
Poligoni rotolanti
Angoli soffocanti
Ogni cosa al suo posto
in gabbie quadrate e sovrapposte
Rumore di ferraglia
Stridono le rotelle
dell'ingranaggio immutabile
E lo schema
spalanca la sua bocca
Che dentatura perfetta!
Le brave scimmie ammaestrate
procedono allineate
come soldatini di piombo
Un metallico suono di catene
per una marcia ben studiata
- tutto già previsto
nella danza della prevedibilità -
Getto il copione
e sbadiglio annoiata
sotto le luci al neon
di questa giostra arrugginita
Mi rotolo per terra
Rompo le righe
Imbratto di vernice
questi muri troppo bianchi
Le mie parole esplodono
come un'eruzione vulcanica
Corro Salto Urlo
Scivolo a quattro zampe
sotto una selva di gambe
rigide come tronchi
Sono scompiglio e disturbo
Il sasso nella scarpa
La raffica di vento
Il bambino che gioca
L'occhio curioso
Le scimmie mi osservano
lisciando i loro colletti inamidati
di giudici impietosi
In mezzo alle vostre geometriche forme
son nota stonata
Ma io batto le mani
seguendo il mio ritmo
Perché questo è il mio Tempo
Perché questo è il mio Assolo Inventato


 

La Cripta
Render time: 0.1919 sec, 0.0127 of that for queries. DB queries: 15. Memory Usage: 3,133kB